LAST NIGHT, IRENE VIOLA. Review party.


Buongiorno, lettrici. Oggi il blog partecipa al review party organizzato per l'uscita di Last night, il nuovo romanzo di Irene Viola. 


Titolo: Last night
Autore: Irene Viola
Editore: Self publishing
Pubblicazione: 21 febbraio 2018
Genere: Contemporary romance
Prezzo: € 2,99 ebook



Affascinante.

Di successo.

Bellissimo.

Sono questi i segni particolari di uno degli avvocati più promettenti di tutta Los Angeles. È spietato nel lavoro e con le donne. Nessuna frequenta il suo letto troppo a lungo.

Julian adora la sua vita e, ancora di più, il sesso senza impegni. È durante uno di quegli incontri che si ritrova fra i piedi una ragazza che diventerà da subito la sua ossessione.

Alexandra non lo conosce e già lo odia. Julian rappresenta il prototipo di uomo che ha sempre evitato, ma come può tenerlo alla larga se le loro strade si intrecciano in continuazione?

Per entrambi, l'altro diventa una sfida.
Lui vuole portarla a letto.
Lei non vuole cedere.
Nessuno dei due però ha fatto i conti con l'amore.


Alexandra si è lasciata alle spalle un fidanzamento e un matrimonio imminente. Ha lasciato la casa dove stava, il suo luogo sicuro, per ricominciare da zero. Il tradimento di Greg, l’uomo con cui credeva avrebbe passato tutta la sua vita, le brucia ancora sulla pelle. A darle ospitalità sarà Becca, la sua dissoluta, migliore amica. Becca è l’opposto di Alexandra: dove la prima è sfacciata e fascinosa, la seconda è timida e insicura. Becca usa gli uomini, li seduce, li porta a letto, si gode le prodezze tra le lenzuola e li rimanda a casa. Sesso, buon sesso e nient’altro. Nessuna implicazione sentimentale, nessun rischio, nessun cuore spezzato. Nessuna aspettativa se non il raggiungimento del piacere.
Alexandra un po’ la invidia, perché lei è tutta cuore e sentimenti. Il sesso fine a se stesso non le interessa, non le è mai interessato. A una conquista effimera preferisce la sicurezza dell’amore eterno, la stabilità dei rapporti a lunga durata. Conoscersi, innamorarsi, amarsi, fidarsi, affidarsi.
L’arrivo a casa di Becca la metterà faccia a faccia con una versione femminile della sua migliore amica. Il suo nome è Julian, di mestiere fa l’avvocato e in tribunale è spietato e arrivista come non mai. La sconfitta non è contemplata nella sua vita. Ciò che vuole, Julian ottiene. E quello che vuole è ogni sera una donna diversa nel suo letto, esattamente come Becca. Tutto inizia e finisce tra le lenzuola, o su un tavolo, o su un divano… il posto non ha importanza. Ciò che conta è godere, e poi non rivedersi più. Il giorno dopo tocca alla prossima conquista.
La caccia è la sua più grande passione: lo elettrizza, lo fa sentire vivo, lo tiene in piedi.
Julian è sexy, sfacciatamente arrogante, e ha tutte le carte in regola per far finire qualsiasi donna ai suoi piedi. Qualsiasi donna tranne Alex.
State immaginando cosa è potuto succedere, vero? Julian ha finito per cadere in una trappola mortale, da cui nessun uomo come lui può uscire indenne. Non ha mai incontrato una donna come Alex, una donna capace di dirgli di no. Il rifiuto brucia e lo rende ancora più spietato nel raggiungimento del suo obiettivo. Alex diventerà un chiodo fisso, una tacca da aggiungere al letto. Qualcosa di cui non può fare a meno.
Sesso. Sesso. Sesso. Nella mia testa era accostato al suo nome. Al suo profumo, e allo sguardo che mi aveva lanciato quando le ero vicino. Dio, ardevo al pensiero di sentirla miagolare sotto di me. Di sentirla pronunciare il mio nome. L’avrei scopata fino a che non mi avesse chiesto pietà. Il solo pensiero mi fotteva il cervello, perciò come sarebbe stato nella realtà? Se qualcuno fosse stato in grado di leggere i miei pensieri mi avrebbe creduto un adolescente col testosterone a palla.
Ogni audace passo avanti di Julian corrisponde a quattro passi indietro di Alexandra. La ragazza le proverà tutte per restare immune al fascino dell’avvocato, ma il richiamo della carne sarà più forte e impossibile da ignorare a lungo. Cederà. Per una sola notte. La sua last night.
Una notte in cui chiedere non è concesso, una notte in cui sarà il piacere a dominare i sensi e i pensieri. Una notte che, inevitabilmente, cambierà per sempre le loro vite.
Mi sono innamorata follemente di Julian al primo capitolo, quando di lui sapevo poco o niente oltre al fatto che sa come tenere testa alle donne durante l’attività fisica. Sono stata folgorata dal suo sex appeal, dalla sua volgarità e dal suo essere maschio. È il tipico personaggio maschile che ci conquista, senza se e senza ma. Potrà farne di tutti i colori nel corso della storia, ma l’attrazione non verrà mai meno. Avete presente i personaggi di Emma Chase? Irriverenti, sfacciati, ironici, sensuali e sessuali? Julian li ricorda molto. E forse è stato proprio questo a colpirmi tanto.
Prende tutto con leggerezza, quella leggerezza tipicamente maschile che nella vita di tutti i giorni mi infastidisce e mi fa pensare agli uomini come essere inferiori rispetto alle donne, eppure nei romance mi fa sbellicare dalle risate e finire per fare il tifo per loro. Un uomo così mette in ombra tutti gli altri personaggi, il suo carisma è come un faro di luce sparato negli occhi. Sfoca e oscura tutto ciò che c’è intorno.
Non può credermi sempre uno stronzo senza cuore, mi ero detto. Quella sera il cuore lo avevo aperto e per lei ero rimasto lo stronzo.
Ma, come sempre avviene, dietro un bellissimo scudo, in apparenza inattaccabile e intoccabile, si nasconde un cuore vivo, pulsante, che nemmeno lui sapeva di avere. L’amore è una canaglia, sa essere più spietato di ogni nostra ostinazione/convinzione. E quando Julian sentirà il suo cuore battere sarà l’inizio della fine.
Anche quello di Alexandra è un personaggio riuscitissimo. Credibile, mai forzato, realistico. Le sue paure sono tangibili, ogni donna riuscirà a mettersi nei suoi panni e giustificare le sue ritrosie. A dispetto del desiderio di lasciarsi andare per una volta, di mollare la presa e prendere ciò che viene, il tarlo della razionalità sarà sempre nella sua mente. Non smetterà mai di farsi sentire. Alexandra è vera nella sua sofferenza, nei suoi dubbi, nei suoi sbagli. Così come è vera nelle aspettative, nel desiderio di un amore che le cambi la vita, che sia per sempre.
Il bisogno di essere amata, di essere il premio per qualcuno che combatte per me, era una sensazione che non avrei mai potuto descrivere. Colpa delle favole, per cui tutte abbiamo bisogno del principe azzurro che ci salvi. Ma guardando la realtà, di azzurro c’era poco e di batticuori non era mai morto nessuno.
Irene Viola è cresciuta tanto dall’ultimo suo romanzo che ho letto. Oserei dire di aver trovato in Last night un’altra autrice. Da quei primi romanzi scritti ne è passato di tempo e di acqua sotto i ponti. La sua scrittura è più matura, più sicura, più convincente. Quasi azzardata. Finalmente non c’è nessun freno che la rallenta, finalmente si gode il viaggio a tutta velocità, esplorando ogni tappa, ogni fermata, ogni imprevisto.
Di Last night ho amato il protagonista, ho amato le scene di sesso, perché calde, seducenti, sfrontate e originali, ho amato la distanza tra il sesso senza impegno e l’amore sicuro. Ho amato la caratterizzazione così sensibile dei personaggi, ho amato l’amore.
Ho amato la fiducia, le paure, il lasciarsi andare come ho amato gli sbagli, i passi indietro, il coraggio e l’esitazione.
Sono tanti gli elementi che ne hanno fatto un romanzo a cui ho scelto di assegnare la votazione massima. Perché sì, a volte bisogna lasciarsi andare, farsi portare dagli eventi, dalle emozioni, dai personaggi. Julian e Alexandra, con la loro storia, mi hanno portato in luoghi lontani, mi hanno fatto sognare, sorridere, e anche un po’ emozionare. Mi hanno fatto passare delle ore meravigliose in loro compagnia, tanto che durante la lettura il desiderio che il libro non finisse mai era tanto e sovrastava la voglia di arrivare alla fine per sapere come ne sarebbero usciti da quel casino tremendo e meraviglioso che è l’amore.
Ovviamente stra-consigliato. Acquistatelo subito e correte a godervi il nostro Julian, idolo indiscusso!




Nessun commento